Caffè

Boom. Mi giro di scatto e vedo Elettra con la faccia annerita e gli avambracci ancora appoggiati al bancone.  La sento sospirare, e senza nemmeno guardarmi appoggia lentamente la pipetta che aveva in mano e si mette a ripulire. Nessun danno serio, a occhio, il laboratorio è ancora tutto intero e non è nemmeno partito […]